10:13 pm
17 December 2017

Invecchiare in armonia. Rumori, suoni, musica. Presentazione

CleliaTabacchi_WebInvecchiare in armonia. Rumori, suoni, musica” chiude un ciclo di riflessioni sul tema “dei sensi” nella vecchiaia. Abbiamo incominciato nel 2014 con “Sentire lo sguardo”, un approfondimento dedicato alla disabilità sensoriale con l’obiettivo di individuare soluzioni che possono promuovere “l’autonomia e la partecipazione sociale dell’anziano con disabilità”.

Del gusto ci siamo occupati nel 2015. Era l’anno dell’Expo e di “Nutrire la terra”. Con un folto panel di esperti, sotto il titolo “A tavola non si invecchia”, abbiamo analizzato diversi aspetti del cibo: nutrizionali, simbolici, sensoriali e, con l’aiuto di Vittorino Andreoli, verificato come il “piacere fisico del cibo che stimola la sensorialità va a costituire l’individualità del soggetto.
Lo scorso anno, parlando della fragilità dell’anziano, l’analisi si è concentrata sull’udito, evidenziando uno stretto rapporto tra ipocusia e demenza.
Chiudiamo quest’anno con una riflessione che riprende il tema dell’udito e si propone un doppio messaggio. Il primo è di allarme; il secondo, positivo, di incoraggiamento.
L’inquinamento acustico, il “rumore”, causa problemi alla salute a breve e lungo termine. Può provocare disturbi del sonno, calo delle prestazioni, effetti cardiovascolari e logoramento dell’appartato acustico. L’armonia, invece, la “musica”, produce numerosi effetti positivi sia alla salute che al benessere globale. La musica è utilizzata per migliorare, mantenere o recuperare funzioni cognitive, emozionali e sociali e rallentare la progressione di determinate malattie. Se ne parlerà con cardiologi, fisioterapisti, musicoterapeuti ma anche importanti musicisti, per una testimonianza diretta.
Il convegno è, infine, l’occasione per fare il punto sulla ricerca pilota “Valutazione della fragilità e dei deficit sensoriali nell’anziano istituzionalizzato”, che ci sta impegnando insieme alla Fondazione OiC e al CNR di Padova e i cui risultati saranno disponibili nel corso del 2018.
Infine, per tutta la giornata, forniamo, per un’opera di sensibilizzazione, a tutti gli over ’50, visite audiometriche e informazioni sullo stato della memoria attraverso un’unità mobile collocata di fronte a Palazzo Moroni.
Clelia Tabacchi Sabella
Presidente