10:13 pm
17 December 2017

Progetto pilota per la valutazione della fragilità e dei deficit sensoriali nell’anziano istituzionalizzato

Progetto pilota per la valutazione della fragilità
e dei deficit sensoriali nell’anziano istituzionalizzato

Sinossi

Nei primi mesi del 2017 partirà il Progetto pilota per la valutazione della fragilità e dei deficit sensoriali nell’anziano istituzionalizzato. Il progetto, che coinvolgerà 190 anziani residenti presso le strutture della Fondazione Opera Immacolata Concezione di Padova, è realizzato dal Centro Studi Alvise Cornaro di Padova, in collaborazione con il CNR–Istituto di Neuroscienze, Padova “Invecchiamento”, l’Unità Operativa Complessa di ORL-Otochirurgia e Chirurgia Endoscopica delle vie aree, Azienda ospedaliera Università di Padova, e l’Unità Operativa Complessa di Rabilitazione Ortopedica dell’Azienda Ospedaliera di Padova.

Gli obiettivi di questo studio pilota sono valutare la prevalenza di fragilità, la prevalenza dei disturbi dell’udito e della vista e l’associazione tra fragilità e disturbi sensoriali visivi e/o uditivi in soggetti anziani residenti in casa di risposo.

Perché questo studio: la fragilità è una sindrome fisiologica caratterizzata dalla riduzione delle riserve funzionali e dalla conseguente diminuzione della resistenza agli stress fisici e psicologici. L’anziano fragile è a rischio di esiti negativi quali cadute, disabilità, ospedalizzazioni e mortalità ma può ancora beneficiare di interventi preventivi . Diventa quindi di primaria importanza individuare i soggetti fragili e le aree di possibile intervento.

I fattori di rischio della fragilità: i disturbi della vista e dell’udito, molto frequenti tra gli anziani, sono fattori di rischio per lo sviluppo di fragilità e per la sua progressione a disabilità, ed è quindi importante valutarne la prevalenza tra i soggetti fragili.