10:18 pm
17 December 2017

La nostra storia

Il Centro Studi “Alvise Cornaro” nasce nel 1995 a Padova, per iniziativa di alcuni docenti universitari e di alcuni professionisti sensibili al tema dell’invecchiamento. Nacque subito in una prospettiva multidisciplinare, coinvolgendo ambiti scientifici diversi, dalle scienza mediche, alle scienze farmacologiche, alle scienze sociologiche e psicologiche.

La scelta multidisciplinare esprimeva chiaramente la premessa concettuale a cui il Centro si ispirava e cioè che l’invecchiamento è un processo nel quale concorrono diversi fattori di natura diversa e che soltanto un buon equilibrio tra detti fattori realizza quell’invecchiamento di successo, al quale tutti aspirano.

Invecchiare infatti non è il semplice trascorrere degli anni, ma è soprattutto la capacità di mantenere vitali gli anni che passano, riempiendoli di senso e di sempre nuovi valori.

Questo idea di invecchiamento, che valorizza i contenuti positivi dell’età, non coincide peraltro con lo stereotipo culturale della vecchiaia. Nel pensiero comune infatti prevale di gran lunga l’immagine del vecchio decrepito, cadente, solo e ammalato, un immagine che agisce come filtro anche nel semplice avvicinare le tematiche proprie dell’invecchiare. Molte persone preferiscono negare la vecchiaia, accettando in modo quasi deterministico il futuro, piuttosto che prendere coscienza degli elementi che la vecchiaia porta con sé e disponendosi ad accoglierli e preparandosi per viverli al meglio.

In questa direzione ci sono due chiavi da sviluppare:

a. promuovere e sostenere la ricerca sulle caratteristiche dell’invecchiamento di successo per identificare possibili modelli o comunque tipologie di riferimento;
b. promuovere una cultura dell’invecchiamento che riconosca tale condizione, scoprendone valore e significati.

Il Centro, in questi quindici anni ha investito molto nella seconda delle due direzioni indicate, con convegni e dibattiti e con il “Premio Alvise Cornaro” che viene assegnato a personalità del mondo della scienza o dell’arte o dello spettacolo o della religione. Personalità che testimonino ed esprimano il valore e il senso dell’invecchiare, contrapponendosi allo stereotipo di vecchiaia emergente dai media o dal pensiero comune.

Il Centro ha inserito nel proprio logo il nome di Alvise Cornaro, un patrizio veneziano vissuto a Padova nella prima metà del Cinquecento, che apprezzò molto l’età della vecchiaia, come una delle più belle età della vita, scrivendo un piccolo Trattato sulla vita sobria, allo scopo di insegnare anche agli altri come si sarebbe potuto invecchiare bene.
Il pensiero di Cornaro quindi è in qualche modo l’icona dell’associazione, quasi a conferma del valore universale dell’uomo che invecchia. Ciò che cambia è il contesto culturale, una cornice ineludibile entro la quale anche l’esperienza dell’invecchiare si sviluppa e si riconosce.
Questi sono i riferimenti che àncorano le finalità del Centro.